Dei Caraibi non se ne ha mai abbastanza e per questo il nostro viaggio tra queste isole meravigliose continua: oggi andremo ad Aruba e nelle Antille Olandesi!

Queste ultime, come si evince dal nome, dipendono dall’Olanda dal punto di vista politico ed amministrativo: l’arcipelago è formato da 5 piccole isole quasi tutte a largo del Venezuela. Due di queste (Bonaire e Curaçao) formano insieme ad Aruba le isole ABC, dalle iniziali dei loro nomi. Un modo divertente per individuare tre isole importanti, vicine e molto, molto belle! Le altre 3 isole “olandesi” sono Sint Maarten, Saba e Sint Eustatius. Ma andiamo con ordine.

Curaçao è forse, tra le Antille Olandesi, quella più “culturale”, più indipendente e più al passo con i tempi. Anche se piccola, riesce ad offrire ai turisti più attrattive oltre il mare e le spiagge che di per sé attirano già moltissimi viaggiatori: basti pensare che la città vecchia di Willemstad oltre ad essere uno dei centri più interessanti dei Caraibi è stato anche dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Avrete il vostro da fare a Curaçao tra escursioni nei parchi, le classiche immersioni, le passeggiate nel centro storico e la movida notturna fatta di parecchi locali e casinò.

Bonaire possiede senza dubbio uno dei fondali più belli del Mar dei Caraibi e non solo: infatti, gli appassionati sanno che la barriera corallina qui è veramente eccezionale e che fare un’immersione in questi luoghi equivale ad assistere ad uno spettacolo indimenticabile. E anche gli abitanti lo sanno bene: infatti è stato istituito il Parco Marino Protetto che include tutto il litorale, con la possibilità di fare immersioni guidate che costituiscono senza dubbio la maggiore attrattiva di quest’isola. Il centro più importante Kralendijk, piccolo ma grazioso, offre tranquillità di giorno e tanto divertimento la notte!

[CONTINUA]