Partiamo dal presupposto di sperare ovviamente che l’assicurazione di viaggio siano soldi sprecati, nel senso che il suo mancato utilizzo sarà sinonimo di una vacanza riuscita e senza intoppi. Detto questo, un’assicurazione di viaggio è sempre raccomandata, nel caso in cui si presenti qualsiasi forma di contrattempo o incidente.

Anche viaggi relativamente brevi possono causare disagi, come la perdita della valigia ( e conseguente l’attesa di almeno un paio di giorni), un incedente o un infortunio che richiedano visite mediche e medicinali costosi; insomma, visto che c’è il danno, sarebbe opportuno evitare la beffa. Ma attenzione, le assicurazioni non sono mai un porto sicuro, quindi è caldamente raccomandato leggere con attenzione tutte le clausole del contratto e non esitare a chiedere spiegazioni in presenza di parti non chiare.Ci sono diverse assicurazioni di viaggio che presentano differenti costi, coperture, durata e servizi. Gli elementi fondamentali da tenere in considerazione sono: la copertura che preveda il rimborso del biglietto aereo per il rimpatrio (per il contraente ed un eventuale accompagnatore), in caso di infortunio che preveda un ricovero ospedaliero o la necessità di cure specifiche e prolungate; la copertura per danni a terzi e lo smarrimento del bagaglio. Un elemento accessorio, a cui però va prestata attenzione, riguarda la cancellazione del viaggio.

Questa tipologia è stipulabile direttamente con l’agenzia di viaggi, ma prevede il rimborso totale o parziale della somma versata solo in presenza di cause impedenti. Ad esempio il rimborso avviene in presenza di una malattia, certificata, che impedisca la partenza, in caso di lutto di un parente o persona molto vicina o in seguito a ferie rimandate (non per volontà dell’assicurato, ma per cause di forza maggiore dovute a dinamiche lavorative). Le tempistiche e le modalità di segnalazione possono variare a seconda delle assicurazione, così come la disponibilità a rimborsare tutta la somma versata o parte di essa. La regola fondamentale per evitare spiacevoli sorprese è comunque sempre quella di leggere preventivamente il contratto con molta attenzione.