[IL PREQUEL LO TROVATE QUI]

Vacanza all’insegna del “verde” e dell’avventura ma anche del mare e del relax: il Madagascar riserva mille sorprese… quindi, continuiamo il nostro viaggio!

Il Parco Nazionale d’Andasibe – Mantadia, è molto grande e per questo diviso in due aree: la Riserve speciale d’Analamazaotra e il Parc National d’Andasibe – Mantadia. La prima area, proprio perché più piccola, potrete visitarla a piedi con percorsi non troppo lunghi: qui si trova il parco delle Orchidee che in ottobre offre il meglio di se e se siete mattinieri, potrete anche scorgere l’Indri il lemure più grosso del Madagascar, al centro di alcune leggende popolari. L’area più grande del parco si trova quasi 20 chilometri più a nord di Analamazaotra: questo parco protegge altre due specie di lemuri ed è un parco in cui, volendo, si può anche campeggiare. Se non vi farete impressionare dai rumori notturni della foresta…

Un altro parco da non perdere è la Riserva Naturale Integrale Tsingy di Bemaraha , dichiarato tra l’altro Patrimonio dell’Umanità per via della flora e della fauna assolutamente eccezionali: è un posto di una bellezza sconcertante. Nella parte meridionale, diventata Parco Nazionale, si erge una “foresta” di tsingy che sono delle formazioni di roccia calcarea che sembrano delle guglie: anche questo, è uno spettacolo incredibile.Le escursioni organizzate in questo parco, possono anche durare tre giorni.

Se invece non siete amanti di escursioni, passeggiate nella foresta e trekking tra gli tsingy, ci sono sempre le meravigliose spiagge del Madagascar: tutta l’isola è circondata da sabbia bianca e finissima ma si può fare un distinguo a seconda delle vostre esigenze e dei vostri desideri. A nord, troverete le spiagge più attrezzate e sicuramente più affollate mentre a sud, dove ci sono ancora piccoli villaggi di pescatori, stesso splendido mare, stesse spiagge meravigliose ma meno strutture turistiche e meno folla.

Buon viaggio!