Cervia, comune di circa 27.000 abitanti, in Emilia Romagna, nella provincia di Ravenna, rinomata stazione balneare dell’Adriatico, grazie alla bella spiaggia in prossimità della pineta ed alle saline già note a partire dal IX secolo.
Anticamente conosciuta come Ficocle, dal greco “luogo reso celebre dalle alghe”, fu distrutta dall’Esarca Teodoro nel 709, in quanto alleatasi a Ravenna contro Costantinopoli e ricostruita in un luogo più sicuro, all’interno della Salina del Prato della Rosa, cambiando il nome in Cervia.

Purtroppo anche questa nuova posizione, per quanto geograficamente inattaccabile, non andava bene, infatti l’aria della palude in pochi anni sterminò la popolazione, cosicché nel 1697, quando Papa Innocenzo XII, Capo dello Stato Pontificio, firmò il Chirografo, nacque la Cervia Nuova!

Numerose le Chiese del territorio tra cui spicca la Cattedrale dell’Assunta del 1699-1702, con ben 5 altari, compreso il maggiore ed opere scultoree e dipinti risalenti al XVII secolo, ad opera di pittori quali Francesco Longhi, Camillo Procaccini, Bernardino Guarini e Simone Cantarini.
La torre campanaria che completa l’intera struttura della Cattedrale, domina uno dei lati principali della Piazza Garibaldi, la piazza principale di Cervia, ove un’altra Chiesa trova posto, la Chiesa del Suffragio, una delle più antiche di Cervia, che a dire il vero è particolarmente ricca di testimonianze della fede religiosa dei propri cittadini.

A parte le testimonianze religiose, a Cervia è possibile visitare il meraviglioso porto-canale, nei cui pressi sorge tra l’altro la vigorosa torre di San Michele del 1691, attuale sede della biblioteca comunale ed il Complesso dei Magazzini del Sale, particolare sede del Museo della Civiltà Salinaia, dedicato agli antichi processi di estrazione e lavorazione del minerale.

Cervia è divisa in numerose frazioni, ciascuna con una particolare importanza storica ed ambientale, quali Cannuzzo, Castiglione di Cervia, Montaletto, Pinarella, Pisignano, Savio, Tagliata, Terme, Villa Inferno e la famosissima Milano Marittima.

E proprio a livello ambientale e naturalistico, di grande pregio per il comune è “La Casa delle Farfalle”, nata nel 2002 per la tutela e la salvaguardia, come dal nome, di questo fragile e colorato insetto.

In una serra di ben 500 mq dove le condizioni di umidità e temperatura sono costantemente controllate, vivono migliaia di specie di farfalle, che in questo particolare habitat, trovano la flora ed altri insetti tipici dei loro luoghi di origine come banani, arbusti, piante carnivore, scarabei e mantidi religiose.

Anche esternamente, è stata comunque edificata un’esposizione permanente sul microcosmo degli insetti, ove tra l’altro il visitatore può imparare a conoscere questa particolare realtà!

Non da meno, altro grande orgoglio della cittadina, è l’acqua termale delle saline, di tipo salso-bromo-iodica ed usata principalmente per bagni e fanghi sorgivi, uno dei rari esempi di fango marino esistente in Italia, ottimo per le patologie artroreumatiche, otorinolaringoiatriche, respiratorie, e dermatologiche.

Trattasi di un grande complesso termale, dotato di una grande piscina coperta riscaldata naturalmente, con un modernissimo reparto di fisiochinesiterapia, ove è tra l’altro è possibile praticare anche trattamenti anticellulite e riabilitativi della funzione motoria.

“Sotto l’ombrellone” invece, Cervia, Milano Marittima, Pinarella e Tagliata, vantano ben 200 stabilimenti balneari, attrezzatissimi e gestiti in modo decisamente moderno, essendo una vera e propria realtà balneare più importanti d’Italia.

Non a caso infatti, quest’anno si è “Sempre connessi anche sotto l’ombrellone”: Galileo – Cervia – WIFI, questo è il nuovo progetto che permette di avere Internet gratis lungo 9 km di costa, navigando sul web anche in spiaggia, comodamente seduti sotto l’ombrellone!
Cosa si può pretendere di più?