Se decidete di andare in vacanza e affittare una villa al mare, un bungalow, o andate in campeggio con la classica tenda o vi muovete in camper o roulotte verso altri lidi, arrivano le raccomandazioni della Federconsumatori: se vi trovate a fare la spesa in vacanza, occhio ai prezzi!

Non è un mistero che nei luoghi di villeggiatura, certi prodotti siano più cari rispetto al prezzo che troveremmo al supermercato sotto casa: pare però che ci siano dei prodotti specifici a subire un rincaro addirittura dell’ 80%. Quindi, se potete, non dimenticateli a casa! Ecco una lista dei “prodotti incriminati”:

1 – al primo posto in assoluto c’è un prodotto di cui non si può fare a meno: l’acqua, che arriva a costare anche l’88% in più della media.

2 – sale e zucchero non scherzano: rincarati rispettivamente fino al 43 e 62%.

3 – la pasta: fino al 45% in più.

4 – ricarica per fornello a gas e fornello elettrico: chi viaggia in camper e ama fare campeggio, sa bene che sono oggetti indispensabili e che rischiano di diventare un salasso se qualcosa va storto. 50 e 40% in più.

5 – bicchieri e piatti monouso: anch’essi arrivano a costare il 40% in più.

6 – lozioni e spray anti-zanzare: in negozi in zone di villeggiatura, un normale flacone da 150 ml arriva a costare quasi 9 euro!

7 – il dentifricio: se dimenticato a casa, può costare il 30% in più.

Quindi, preparate le valige accuratamente prima di partire e … buon viaggio!