Spesso i biglietti aerei più economici sono quelli che prevedono scali lunghi e grandi attese in aeroporto. Il rischio è quello di annoiarsi a morte finendo per ‘svaligiare’ tutti i caffè disponibili e di azzerare completamente il vantaggio economico per aver scelto quel volo tanto scomodo. Per non parlare del rischio di ritardi e cancellazioni che costringe anche chi ha preso la tariffa più costosa a fermarsi per ore nella sala d’attesa prima dell’imbarco.

Come ammazzare il tempo in modo intelligente? Certo molto dipende anche dall’aeroporto: alcuni offrono intrattenimenti di diverso genere altri invece hanno a mala pena le sedie per chi aspetta. Prima di tutto quindi guardati intorno prima di buttarti con disperazione al primo bar impiegando 5 ore per consumare un caffè ristretto. Alcuni aeroporti sono dotati di biblioteche, palestre, saloni di bellezza e molto altro ancora. Se proprio devi spendere approfitta per comprare gli ultimi souvenir nel duty free. Oppure rilassati con un libro: preferisci un romanzo o un saggio alla rivista da sfogliare distrattamente per pochi minuti. E poi non sarai certo l’unico malcapitato: prova a socializzare con chi ti sta vicino. Se le ore sono almeno 5 potresti invece azzardare una fuga fuori dall’aeroporto: un modo per conoscere la città dove hai fatto scalo. Certo non potrai vedere molto ma potrai farti un’idea ed eventualmente valutarla come destinazione per un prossimo viaggio.

Oppure puoi toglierti qualche sfizio: sei a Buenos Aires puoi andare a vedere La Bombonera, se atterri a Sydney puoi affacciarti sulla baia etc. Alcuni aeroporti sono opportunamente organizzati per queste evenienze e organizzano tour di mezza giornata: succede ad esempio a Il Cairo dove con 4 ore si possono vedere le Piramidi di Giza o a Los Angeles per uno sguardo veloce su Hollywood.