Diario di viaggio Amburgo.

Periodo:Febbraio

Durata:3 giorni

Amburgo è una città affascinante piena di storia e cultura,ricca di musei e opere a cielo aperto.Partenza all’alba da Pisa ( volo ryanair diretto a Lubecca scalo a circa 80 chilometri dalla città)All’uscita dell’aeroporto trovate il bus Hamburg Shuttle Bus che vi porta direttamente in città alla modica cifra di 8euro.

Appena arrivati ci sistemiamo subito in un grazioso albergo vicino a Stadthaus brucke (la stazione centrale) La prenotazione è stata effettuata direttamente su booking con pagamento all’arrivo.La posizione è ottimale vista la vicinanza con la stazione metro’ principale.

Prima serata tranquilla,poche fermate di metro fino a Sternschanze classica zona universitaria.Pub,locali tranquilla a tanti giovani.Ottima birra a prezzi decisamente soprattutto se rapportata al costa di una bottiglia di acqua minerale.

Secondo giorno dedicato al centro storico.Bellissimo il palazzo del municipio in pieno stile barocco come anche la chiesa di S.Michele dove,dopo un salita di circa 400 gradini,è possibile ammirare tutta la città nella sua estensione.Pomeriggio dedicato ai musei,essendo in gruppo abbiamo preferito dividerci visto che ognuno ha le sue preferenze in questo campo.

Alcuni hanno visitatoL’ Internationales Maritimes Museum.Allestito all’interno del più antico magazzino portuale di Amburgo il museo contiene una collezione privata  di circa 5.000 modellini di navi e progetti di costruzione.Gli appassionati della nautica non possono mancarla.

Gli appassionati di arte hanno preferito invece il Museo d’arte Kunsthalle un edificio in stile rinascimentale dedicato all’arte dal Medioevo alla metà del Novecento. Presenti all’interno tutti i movimenti artistici europei.Scultura,pittura,numismatica e oggettistica arricchiscono la vasta collezione.

Ultima serata ad Amburgo ed ovviamente decidiamo di visitare il tanto citato quartiere St. Pauli famoso per la sua movida notturna.

La Reeperbahn,la strada principale del quartiere,è piena di tanti turisti fino alle prime ore dell’alba.Uomini d’affari che si concedono un momento di “relax” ma soprattutto tanti curiosi ( i primi siamo noi 🙂 ) Non solo bar e night club ma anche teatri ristoranti. Una zona che richiama molto le strade a luci rosse di Amsterdam ma a differenza di quest’ultima abbiamo notato una minore appariscenza e una maggiore presenza di forze dell’ordine.

In una strada laterale vi p il  leggendario Star Club i Beatles iniziarono la loro carriera mondiale dal 1962-1969.

Una zona quindi abbastanza tranquilla.Ovviamente se siete con dei bambini sarebbe meglio evitarla.

Ultimo giorno,lasciamo le camere e ne approfittiamo per fare un ultimo giro in centro per un po’ di shopping.Entriamo in diversi  grandi magazzini e negozi etnici anche se possiamo confermarvi che Amburgo,e in generale la Germania,hanno un costo della vita decisamente superiore al nostro.

In conclusione Amburgo è sicuramente una città affascinante ed interessante è ha ben poco da invidiare alla ben più visitata Berlino.