L’Andalusia è la regione meridionale della Spagna, affacciata sul mar mediterraneo e sull’oceano atlantico, caratterizzata da una forte influenza araba, un clima simile a quello delle zone nord africane e un’atmosfera di festa e di cordialità contagiosa.

In Andalusia il tempo scorre più lentamente, i ritmi forsennati del lavoro lasciano il posto alla calma e al riposo: non meravigliatevi se, nel pomeriggio o di mattina, un’attività risulti ancora chiusa nonostante sia ampiamente passato l’orario di apertura.

Cosa vedere

Un viaggio in Andalusia comprende tutto: divertimento, arte e cultura, natura e alcune sue città sono tra le più belle della Spagna.

Siviglia è la capitale dell’Andalusia, con il suo caratteristico Barrio di Santa Cruz, definito dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità per la presenza di spettacolari monumenti: la Cattedrale, l’Archivio delle Indie e  l’Alcazar.Malaga è l’altra grande città, è nota per il castello, l’Alcazaba, la cattedrale e il museo del Grande Pablo Picasso, oltre che per la feria che dura dall’11 al 20 Agosto.Cordoba e Granada sono due meravigliose città che hanno come simbolo, la prima, la scintillante Mezquita, la moschea, la seconda l’Alhambra, una  fortezza araba con splendidi giardini e palazzi reali che percorrono varie epoche. La presenza vicina della Sierra Nevada le conferisce un clima continentale, torrido in estate e freddo in inverno.La costa del Sol è un’altra grande attrazione turistica del sud.La località balneare di Marbella e il suo famoso porto vip Puerto Banus, scandiscono ritma di vita che prevedono lunghe nottate tra gli affollatissimi locali e sonnacchiose presenze in spiaggia nel primo pomeriggio sorseggiando del fresco tinto de verano (vino rosso e lemon soda).Torremolinos e Fuengirola sono due piccole località balneari ad alto flusso turistico durante l’estate, caotiche e festose.I dintorni di Almeria presentano stupende calette nascoste, alcune delle quali per nudisti, e raggiungibili solo a piedi o in barca, come la Caleta de Las Nigras. Tarifa, con la vicina Algeciras, è la porta sull’oceano Atlantico, a poca distanza da Gibilterra, ed è famosa per le sue onde che attirano ogni anno numerosi surfisti da tutto il mondo. Anche qui la vita notturna non manca grazie alla presenza di piccoli locali dai quali raramente si esce prima dell’alba.Nerja è un altro piccolo gioiellino, stupenda di giorno con le sue spiagge e vivissima di notte nella piazza Tutti Frutti, al centro della cittadina. Il balcone d’Europa, al termine del corso principale, offre una spettacolare vista sul mare. La grotta di Nerja, infine, scoperta nel 1959, è una fitta rete di gallerie aperte al pubblico, in cui,  che nel corso dei secoli, si sono originate formazioni geologiche che le hanno conferito l’aspetto di una cattedrale preistorica, come viene infatti definita.

Dove dormire e mangiare

In Andalusia, oltre alla consueta offerta di alberghi di diverse categorie, gli hostal offrono una validissima alternativa. A dispetto del nome, nella maggior parte dei casi non sono ostelli ma veri e propri Bed and Breakfast con camere anche doppie o triple, bagno privato e pulito. Un esempio emblematico è l’hostal di Cordoba, con vista sulla Mezquita, dotato di comfort quali bagno privato e aria condizionata ad un prezzo accessibile.Dal punto di vista culinario l’Andalusia vanta una ricca tradizione, dal pesce, alle fave con il prosciutto di Trevelez, alle tapas, ai platos combinados (piatti combinati, solitamente bistecca, patatine fritte  e insalata, comuni a tutta la Spagna); ma il piatto tipico è il gazpacho, una zuppa fredda di cetrioli, pomodori, peperoni, olio, aceto e tanto aglio. Non dimenticate di assaggiare i vini della zona vinicola di Jerez.