Indecisi su dove andare questa estate?

Una delle mete più classiche, e tra le più indimenticabili (per quanto sia possibile dimenticare le emozioni di un viaggio!) è senza dubbio l’Irlanda: staccatasi dallo stereotipo di paese esclusivamente folkloristico, ha saputo scrollarsi di dosso le classiche immagini che venivano in mente appena si parlava di Irlanda.

Non più solo mucche ed elfi, ma turismo, lavoro, tecnologia, giovani, viaggi, possibilità, mantenendo e trasformado adattandole ai tempi e alle nuove esigenze, le tradizioni e le feste popolari: quasi ogni mese in giro per il paese c’è un appuntamento, una ricorrenza, qualcosa che valga la pena festeggiare. A prescindere dalle condizioni metereologiche.

Il nostro viaggio, alla scoperta dell’Irlanda, comincia doverosamente da Dublino. Pronti!

Vola a Dublino da € 21!

La città ha cambiato moltissime delle sue “abitudini” nell’ultimo decennio grazie alla spinta economica: nonostante ciò, i dubliners sono sempre gli stessi, forse come ai tempi di Joyce!

Città della birra e dei pub, oggi ha ben altro da offrire a chi ha la fortuna di visitarla: dal S. Patrick’s Day al Dublin Film Festival, avrete davvero l’imbarazzo della scelta anche quanto a mete da visitare.

Ad esempio, l’attuale sede del Governo Irlandese, è Dublin Castle che un tempo era la dimora del viceré britannico, che è possibile visitare: saloni e giardini, vi racconteranno un po’ della storia controversa del paese. La Torre dell’Orologio del castello, ospita la Chester Beatty Library che custodisce quasi 20.000 tra libri, manoscritti, miniature oggetti e abiti raccolti da Sir Beatty durante i suoi lunghi viaggi. Da non perdere.

Nel cuore antico della città, si trova la Christ Church Cathedral, imponente edificio costruito intorno al 1100 su una chiesa vichinga di cui ancora rimane la cripta; modificata più volte nei secoli, oggi la chiesa è il risultato di diversi stili che vanno dal romanico al gotico inglese. Invece la St Patrick’s Cathedral è stata edificata su uno dei siti cristiani più antichi di Dublino: costruita intorno al 1200, dopo varie vicissitudini e ristrutturazioni, la cattedrale fu definitivamente rimessa a nuovo grazie al contributo della famiglia Guinness.

E per smorzare un po’ l’importanza della visita alle cattedrali, ricollegandoci ad una importante famiglia irlandese, potete recarvi alla Guinness Storehouse, punto di arrivo per gli amanti della storica birra, meta curiosa per gli astemi: all’interno, con installazioni super tecnologiche e pezzi da collezione, vi verrà raccontata la fantastica storia della fabbrica di Arthur Guinnes, che culminerà nel gravity bar sul tetto.

Voli low cost per Dublino!

Non mancano i musei, come in ogni città che si sia risvegliata culturalmente: oltre a la National Gallery of Ireland, il National Museum of Ireland – Archaeology and History e il National Museum of Ireland – Natural History, ospitato nella Martello Tower, una di una serie di torri costruite per resistere ad una invasione da parte di Napoleone, c’è il museo dedicato alla vita e le opere di James Joyce, che ha fatto della torre l’impostazione per il primo capitolo del suo capolavoro, Ulisse. Qui troverete alcuni oggetti appartenuti al celebre scrittore e anche una copia dell’Ulisse con illustrazioni di Matisse.

Con il boom economico, anche i locali notturni si sono moltiplicati: night club, discoteche, bar molto alla moda, sono molto vissuti dai giovani di Dublino. Anche se forse il caro vecchio pub, rimane la scelta per chi vuole sentirsi un po’… “a casa”.

Buon viaggio!