Londra, on the road. Niente visite culturali, ma solo vera vita cittadina.

Dire “Londra” significa parlare di mille cose: melting pot allo stato puro che esprime tutta il suo essere in ogni angolo della città, in ogni manifestazione, in ogni attimo della giornata attraverso i suoi 12 milioni di abitanti.

A parte il clima spiacevolmente famoso che riserva acquazzoni a sorpresa, avrete davvero un bel da fare se vorrete capire com’è Londra: quindi non lasciatevi scoraggiare, ma armatevi di impermeabile e scarpe comode!

Formata da 33 distretti, guarderemo la città secondo una divisione caratteristica: North, South, West, East London, zone famose perchè protagoniste di canzoni, poesie, racconti, finanza, attrazioni e quant’altro… Andiamo dunque con ordine, sperando di non perderci!

Voli Malpensa – Londra € 36 Voli Roma – Londra € 78

Partiamo dal centro storico della città, quello che fu il primo insediamento in epoca romana e che oggi è il centro economico e finanziario dell’Inghilterra e uno dei più importanti al mondo: la City. Praticamente vuota di notte e satura di giorno, se siete in cerca di ritmi frenetici questo è il posto giusto! Avrete la possibilità di ammirare gli edifici più alti del Regno Unito tra i quali il 30 St Mary Axe denominato in maniera non troppo lusinghiera “il cetriolo”, ma anche la Cattedrale anglicana di St. Paul seconda, in grandezza, solo al Vaticano ed esemplare testimonianza di barocco inglese.

Per un tuffo nello shoppping, invece, non potete perdere assolutamente il West End dove anche la vita notturna è parecchio movimentata: infatti, qui si trova la Oxford Street famosa per questo in tutto il mondo. Questa si interseca con altre vie altrettanto famose come la Oxford Circus, la Regent Street e la Tottenham Court Road, dove potrete davvero sbizzarrivi nel fare acquisti. Importantissima per la mondanità notturna e non solo è la zona di Soho dove sono concentrati teatri, cinema, negozi, pub e anche locali a luci rosse. C’è da scegliere, insomma! Da non dimenticare che nel West End si trova la famosissima Trafalgar Square: chi di noi non si è trovato a leggere su un libro di scuola che due fantomatici ragazzi volevano andare proprio lì?! (insieme alle cabine telefoniche, gli autobus, i taxi e il tè delle cinque!!) O ancora, la famosissima canzone dei Pet Shop Boys, che parlava proprio delle West End Girls.

Spostandoci invece nell’East London, che possiamo romanticamente definire il quartiere dalle 1000 etnie, in realtà è sempre stata la zona che per prima accoglieva gli immigrati che decidevano di cercar fortuna a Londra. Vicina al porto, infatti, ha visto passare popoli di qualunque razza dalle sue vie che nel migliore dei casi, sono riusciti ad andar via dopo qualche generazione. Tra le altre cose in passato, la zona di Whitechapel, è stata protagonista di uno dei racconti/episodi più truculenti della storia: quello di Jack lo squartatore. Oggi l’East End si presenta come un quartiere tra i più poveri forse del Regno Unito con tutti i problemi del caso con zone molto “popolari” da visitare come i mercati di Columbia Road Flower Market, lo Spitalfields, e il Brick Lane che sono i mercati storici per eccellenza.

Il West London (da non confondere con il West End) invece è una zona caratterizzata da un certo benessere ma non troppo, dove si riesce ancora a respirare aria londinese. Qui si trovano quartieri famosissimi come Notting Hill, e il rinomatissimo mercato dell’antiquariato a Portobello Road, luogo cantato dai Dire Straits, dai Blur e dove Orwell ha vissuto. Nel West London troviamo anche la sede della BBC, il Richmond Park che è il parco più grande della nazione, il Twickenham Stadium la sede della nazionale inglese di rugby e inoltre è la zona vicina all’aeroporto di Heathrow dove tanti voli low cost fanno meta o scalo.

Il South London comprende due quartieri altrettanto famosi come Wimbledon e Greenwich mentre il North London è caratterizzato dal trovarsi su una zona collinosa che offre panorami urbani di particolare bellezza; qui è possibile imbattersi in qualche laghetto per fare una sosta e volendo anche un bagno. Qui si trovano due sobborghi dove è ancora possibile respirare l’aria di piccola città e sono Hampstead dove si trova il parco di ‘Hampstead Heath e l’Highgate. Molte aree del North London sono un vero e proprio puzzle di minoranze etniche in particolare quella più conosciuta di Camden Town frequentatissima sia di notte che di giorno da individui “alternativi” che animano locali altrettanto alternativi!

Questo breve post, mostra solo la millesima parte di ciò che è possibile fare e vedere a Londra: una città grandiosa, con un storia altrettanto importante non può essere raccontata in poche righe.

Quindi, per il resto, alla prossima!